La Madonna degli olivi

La leggenda narra che nel XVI secolo una giovane fanciulla di nome Agata, dopo aver attinto all’acqua di una sorgente nei pressi di San Vito, si fosse fermata a riposare all’ombra di un maestoso ulivo e che lì le fosse apparsa la Vergine SS.

La Madonna chiese alla fanciulla che in quel luogo venisse eretta una piccola chiesa e per far sì che le parole della giovane venissero credute la fece tornare a casa con la brocca rovesciata miracolosamente colma d’acqua. Sempre secondo la leggenda, la costruzione del Santuario della Madonna degli Ulivi per opera della comunità di San Vito nel 1551 è dovuta alla miracolosa nevicata del 5 agosto che tracciò il perimetro di quella che sarebbe stata la futura cappella. Sotto l’altare maggiore della chiesetta venne racchiuso l’olivo, mentre l’acqua della fonte sottostante è ancora oggi considerata benedetta dagli abitanti del luogo e dai numerosi pellegrini che ogni anno fanno visita al Santuario.

La storia dell’azienda della famiglia Corneli è strettamente correlata a questa leggenda, perché nelle loro terre venne costruita la Chiesa in onore della Madonna degli olivi. Pochi anni fa la famiglia Corneli ha gentilmente donato la Chiesa alla parrocchia di San Vito in Monte.

Twitter

News

 

" Da produzione antica nasce una specialità moderna " - Gambero Rosso recensisce Casa Corneli e le Pinotte nel numero di gennaio 2013